Con la Due Giorni appena andata in scena a Taino, che ha visto protagonisti corridori under 23, juniores e allievi, si è conclusa la stagione organizzativa 2018 della Cycling Sport Promotion, presieduta da Mario Minervino. Una stagione iniziata con il progetto scolastico “Pedala, Pedala in Sicurezza”, proseguita con le gare femminili a Cittiglio e conclusa domenica scorsa: “E’ stata una bellissima stagione quella che abbiamo vissuto da organizzatori – sottolinea Minervino – Tutto è andato per il meglio. Tanti corridori, belle corse, tanta gente che ci segue. Insomma siamo soddisfatti e felici per aver proposto appuntamenti che si dimostrano belle opportunità. Qualcosa sta cambiando e in meglio. Domenica, dopo la Due Giorni di Taino, abbiamo ricevuto i ringraziamenti dell’Associazione Commercianti; non mi era mai capitato in quarant’anni di attività. Il ciclismo, una volta di più, si dimostra un veicolo eccellente per promuovere il territorio di cui andiamo orgogliosi. La provincia di Varese offre percorsi molto belli e sportivamente validi. Ma siamo soprattutto felici per il coinvolgimento dei tanti bambini e ragazzi che, a vario titolo, si impegnano in questo sport e in questi eventi”.

Eventi che non si organizzano grazie ad una bacchetta magica: “C’è tanto lavoro dietro e tante persone che impiegano molto tempo sottraendolo alla famiglia. Per questo devo ringraziare i miei collaboratori; tutti giovani, motivati, pieni di energia che completano il lavoro di tanti altri che con passione e grande spirito di collaborazione fanno il lavoro più duro. Sono persone straordinarie che mi onoro di presiedere. Ci sono poi le Amministrazioni locali che comprendono sempre più quanto sia prezioso lo sport per il territorio. Gli sponsor, che non si tirano mai indietro e ci consentono di affrontare serenamente le spese necessarie. Quindi le Forze dell’Ordine e i volontari. Ringrazio la Rai che ha mandato in onda le immagini delle nostre gare, PMG Sport e tutti gli operatori dei media che hanno valorizzato il lavoro e la passione di tanta gente.

Tutti amici, carissimi, che fanno a gara per offrire il proprio contributo. Tutte persone straordinarie. Quando sono stanco e distrutto dalla fatica – conclude Minervino – mi basta pensare al loro entusiasmo per ritrovare subito le energie. Per questo già pensiamo al prossimo anno e all’appuntamento del 24 marzo, con il trofeo Binda donne elite e il trofeo Da Moreno per donne junior. E’ vero; per noi organizzatori non suona mai la campana dell’ultimo evento. Dunque, adesso un po’ di riposo e poi ricominciamo la giostra”. (Foto di Flaviano Ossola)